RACCOLTA
il peridodo di fioritura ha luogo tra la seconda settimana di Ottobre e la prima di Novembre a seconda delle condizioni climatiche del luogo. L'ora di raccolta dei fiori varia in funzione del tipo di mondatura. Con la mondatura manuale è preferibile effettuare la raccolta nelle prime ore del mattino, quando i fiori sono ancora chiusi e l'asportazione manuale degli stimmi risulta più agevole. Quando la mondatura avviene meccanicamente è necessario disporre di un fiore completamente aperto e per tale motivo la raccolta avviene a metà giornata.

COME SI CONVERTE IN UNA SPEZIA
Lo zafferano viene sottoposto a un processo lungo e delicato prima di essere trasformato in spezia. Tale processo deve avvenire lo stesso giorno della raccolta dei fiori perché la qualità del prodotto diminuisce con il passare del tempo. Quindi gli stimmi dello zafferano vengono rimossi dal resto del fiore, processo che si svolge in modo totalmente manuale. In Italia, prima del processo di essiccazione, viene effettuata la “feidatura” che consiste nell’umettare leggermente gli stimmi con olio extravergine d’oliva (un quarto di cucchiaino d’olio per 100 g di stimmi freschi). Per ciò che riguarda il processo di essiccazione, i produttori italiani utilizzano tavolette di legno su cui dispongono gli stimmi. Tali tavole vengono quindi poste al sole o vicino al camino (durante le ore notturne, esposte alla brace). Ai giorni nostri, vengono utilizzati essiccatori elettrici con termostato regolato su una temperatura di circa 45º C. MODANATURA
In caso di presenza di scarti, peli, insetti ecc, viene effettuata la rimozione manuale, al fine di ottenere uno zafferano puro. Infine, il prodotto viene confezionato in contenitori di plastica o di vetro per preservarne le qualità.